L’esportazione cinese dell’argento è rappresentata da oggetti realizzati con gusto straniero per l’esportazione, principalmente in Europa. Nel diciottesimo e diciannovesimo secolo, attraverso il porto di Canton.

Storicamente, l’argento era un materiale più prezioso in Cina rispetto all’Europa, rispetto all’oro e ad altre materie prime, e i commercianti europei avevano pagato per secoli i loro acquisti di merci cinesi con argento. Ora per la prima volta i livelli dei prezzi hanno reso attraente l’importazione di oggetti in argento destinati all’esportazione verso l’Europa. Sebbene il governo cinese fosse stato per secoli contento di vedere prodotti di lusso rinnovabili o inesauribili come la seta o le ceramiche, avevano cercato di conservare il più argento possibile in Cina. Ora non erano in grado di farlo.

Proprio come i vasai cinesi producevano porcellane Cinesi da esportazione per i consumatori occidentali, gli argentieri cinesi creavano anche oggetti riccamente decorati per clienti internazionali. I primi lavori di Chinese Export Silver erano destinati a riprodurre o copiare oggetti in stili europei. Tuttavia, copiando lo stile europeo, gli artigiani cinesi in seguito riuscirono ad aggiungere nuove decorazioni e motivi cinesi. Mescolando forme occidentali con decorazioni asiatiche tra cui draghi, bambù e paesaggi cinesi, questi pezzi riflettono lo scambio culturale e commerciale di lunga data tra Oriente e Occidente.