Gli oggetti d’argento venivano punzonati con uno o più marchi che indicano la purezza del metallo ed il marchio del fabbricante o dell’argentiere.

Altri marchi possono indicare la data di fabbricazione e ulteriori informazioni sul pezzo.

In alcuni paesi, la marcatura di purezza è controllata da un ufficio di analisi nazionale.

A seconda della legislazione nazionale, l’uso di segni distintivi può essere obbligatorio, volontario o fornito da una dichiarazione del produttore.

La parola “HALLMARK” deriva dal fatto che, dal XVI secolo, i metalli preziosi furono inviati alla Sala degli saggio di Londra per essere testati per garantire che fosse stato usato il corretto standard di argento.

In alcuni paesi, la sperimentazione di oggetti di metalli preziosi e la marcatura di purezza è controllata da un ufficio di analisi nazionale.

A seconda della legislazione nazionale, l’uso di segni distintivi può essere obbligatorio, volontario o fornito da una dichiarazione del produttore.

Il sistema di marchio di garanzia italiano e francese sono organizzati su base obbligatoria.