vasi-cinesi

Durante la dinastia Tang (618-907), sono stati realizzati non solo forme tradizionali come ciotole e vasi, ma anche nelle forme più esotiche, cammelli, cavalli e figure dell’Asia centrale a testimonianza dell’influenza culturale della Via della Seta, smalti gialli, verdi e bianchi applicati al corpo di terracotta invetriata, anche altri colori, come il blu, il marrone e il viola.

Un altro tipo di tecnica per ottenere il favore della corte Tang, è conosciuto in Occidente come celadon. Questi hanno una leggera glassa blu-verde e sono caratterizzati da forme semplici ed eleganti. Erano così popolari che la produzione continuò in vari centri di forno in tutta la Cina fino alle dinastie successive, e furono spedite in Corea, Giappone, Asia sud-orientale e fino all’Egitto.

Durante la dinastia Song (960-1279), Le famose porcellane prendono il nome dai luoghi in cui sono state prodotte. Vari forni in diversi luoghi fissarono i loro stili indipendenti di forme e smalti. La porcellana di questo periodo presentava trasparenze semplici ma eleganti e forme semplici e arcaiche. Molti dei motivi decorativi sono stati ispirati dalla vita quotidiana e dalla natura.

Durante la dinastia Ming (1368-1644) si perfezionò la lavorazione della porcellana bianco blu in modo tale che presto arrivarono a rappresentare il virtuosismo del vasaio cinese. La provincia di Jiangxi, divenne il centro di produzione della porcellana, non solo grandi quantità di merci imperiali, ma anche prodotti esportati fino alla Turchia.

Gli stili e i decori cambiavano con l’ascesa al trono di ogni nuovo imperatore, la qualità del blu e dei bianchi Ming è indiscutibilmente superiore a quella di qualsiasi altro periodo.

Durante la tarda dinastia Ming fino al primo periodo Qing (1644-1911), la porcellana si arricchì a cinque colori. Applicando una varietà di pigmenti di smalto su schemi decorativi di scene floreali, paesaggistiche e figurative, queste mercanzie hanno acquisito grande fama in Occidente.

Il picco della produzione ceramica cinese fu visto nei regni di Kangxi (1661-1722), Yongzheng (1722-1735) e Qianlong (1735-1796), durante i quali il miglioramento fu visto in quasi tutti i tipi di ceramica, compresi i prodotti blu e bianchi, articoli policromi, articoli monocromatici, ecc. Gli smalti che venivano cotti a temperature più elevate acquistarono anche un aspetto più brillante di quelli della dinastia Ming.