Gallé è stato personalmente coinvolto nella creazione del design nella sua azienda, e spesso ha anche supervisionato la ricerca tecnica effettuata. Il fatto che i nomi dei designer e degli artigiani impiegati da Gallé siano meno noti di quelli del suo fondatore non influisce sul valore complessivo di un’opera.

Per un collezionista, la distinzione principale da fare è tra i pezzi unici, modellati a mano prodotti dalla Compagnia Gallé, e quelli eseguiti in grandi quantità.

Come René Lalique, l’uomo e il marchio sono considerati la stessa cosa. Gallé morì nel 1904, ma la sua fabbrica continuò a produrre vetro di alta qualità sotto la guida del suo amico, il pittore Victor Prouvé.

Le opere eseguite dopo la morte di Gallé recano occasionalmente una piccola stella accanto alla sua firma.

Verso la metà degli anni ’20, la società ha introdotto la sua ambita linea di lampade e vasi in vetro cammeo soffiati a stampo. Nel 1936 la fabbrica aveva chiuso, non riuscendo mai a riacquistare il suo slancio prebellico.